L’ARTE COME PROGETTO

Laboratorio artistico creativo. Dal concetto al progetto e dall’idea alla realizzazione.

Percorso artistico particolarmente personalizzato che, attraverso tecniche tradizionali oppure sperimentali, conduce il partecipante a sviluppare e definire la sua naturale espressione artistica.

Sono previste diverse ipotesi di lavoro secondo ogni personale inclinazione: dal disegno al dipinto, dall’installazione più o meno complessa, al libro d’artista.

Commenti, discussioni e confronti. Mostra conclusiva.

A cura di: ADRIANO GON

12 lezioni — calendario da definire 

STAGE DI ACQUERELLO tradizionale e Sumi-e

Laboratorio artistico di ACQUERELLO diretto dall’artista internazionale Banafsheh Rahmani, laureata all’Università d’Arte e Architettura di Teheran nel corso di Pittura, ha esposto in diverse gallerie europee e partecipato alla Biennale di pittura di Teheran e alla 54a Biennale di Venezia. In Italia dal 2004, (laureata all’Università di Trieste in Storia dell’arte) vive tra Trieste e Vienna. 

In questo stage affronterà il tema dell’atmosfera nel Paesaggio, nelle composizioni floreali (o singoli fiori) ed altri soggetti idonei alla tecnica.   Il termine giapponese “sumi” significa inchiostro nero, “e” invece significa pittura ed indica una delle forme d’arte in cui i soggetti sono dipinti con l’inchiostro nero in gradazioni variabili dal nero puro a tutte le sfumature che si possono ottenere diluendolo con l’acqua.                                                                                        Il vero Sumi-e deve rispondere a determinate caratteristiche tipiche, come la sobrietà e la spontaneità, caratteristiche queste  che vanno direttamente a colpire la sensibilità dello spettatore.  

Dunque, affinché un dipinto sia “vivo”, tutti i suoi componenti devono essere “vivi”. 

Programma del Laboratorio FIORI:

-breve introduzione della tecnica

-sperimentazione ed esercizi pratica dalle varie tecniche 

-ricerca delle fonti d’ispirazione ed esecuzione di lavori dalle fonti

-valutazione e commenti 

Il tema dei FIORI si svilupperà grazie ad una tecnica basata sulla spontaneità dei gesti e del pensiero, senza disegno preparativo o dettagli precisi, come suggerito dai principi della pittura orientale. Saranno la grazia istintiva del gesto nella ricerca di un equilibrio formale e il coinvolgimento, controllo, del corpo a guidare la realizzazione delle opere.

Materiali inclusi

Iscrizioni entro il 1° ottobre  2019

IL VOLTO MODELLATO

IL VOLTO MODELLATO: L’ESPRESSIVITA’ – CORSO DI SCULTURA IN ARGILLA

L’argilla è un materiale duttile, sensibile e la sua lavorazione è antica quanto il mondo. La scultura è l’arte che raggiunge per prima i massimi livelli tecnici ed espressivi perché non si avvale di proiezioni prospettiche.

La creazione di un volto o di un busto tridimensionale, in grandezza naturale, è dunque un’esperienza tattile e gestuale che permette (attraverso un rapporto diretto con la materia) di apprendere i principi anatomici della testa nella struttura formale dei suoi elementi: occhi, naso, bocca, orecchi.

Il corso in 6+1 lezioni  si articola su principi anatomici di base, criteri di proporzione, analisi dei volumi.

Si utilizza argilla rossa (fornita dalla SdV).

Quando:  al  mercoledì / dal 4 marzo 2020 dalle 19 alle 21

Il corso è ripreso mercoledì 27 maggio 2020

Diretto da: RAFFAELLA BUSDON

STORIA DELL’ARTE 2019

STORIA DELL’ ARTE /  La trasgressione nell’arte  da Caravaggio alla Abramovic.

Il concetto di Trasgressione nell’Arte  concepito ed espresso con diverse modalità nei vari secoli.

Da  Marina Abramovic, andando a ritroso sino a Caravaggio,  passando per  Francis Bacon,  Edouard Manet, Francisco Goya.

Con proiezioni e commenti.

A cura di: LUCA VERGERIO

6 lezioni/conversazioni

Al lunedì dalle 18 alle 20

dall’11 marzo 2019

CONFERENZE 2008

 

2008 sezione “Le teorie della Scuola del Vedere”: Lo sguardo della filosofia – A cura di:  prof. Giovanni Spizzo
LA PITTURA E IL MALE (ovvero il bello del brutto) Francis Bacon & Lucian Freud un confronto tra arte e vita 1° Incontro:  Mercoledì 30 aprile 08  h 18.30   Il male e il corpo nelle arti figurative: un veloce excursus  attraverso autori quali Michelangelo, Bosch, Bruegel, Cranach, Dürer, Füssli e Goya.   Il legame tra male  morale e male fisico nella raffigurazione del corpo.Manet e Baudelaire: l’irruzione del prosaico e del blasfemo nell’arte.  IL bello del brutto. Le vicissitudini della figura umana nell’arte moderno-contemporanea. La strepitosa esemplarità di Bacon e di Freud.  2° Incontro:  Mercoledì 7 maggio 08   h 18.30    Il maledettismo di Bacon, una simbiosi di arte e vita. Le ascendenze di un autodidatta, ovvero la tradizione alle spalle di un artista unico.  La testa senza volto dell’animale uomo. L’animalità dello spirito e il “tremendum”.L’artista testimone della condizione umana: “guardare lo sfacelo” al di là dei dualismi cielo/terra, salvezza/dannazione. Lo sguardo senza giudizio. Un’analisi di opere esemplari.  3° Incontro: Mercoledì 14 maggio 08  h 18.30    Lucian Freud il nipote di…  L’evoluzione creativa.L’intensificazione della realtà sulla tela, corpi senza vita e pittura vivente.  Un’acuta tensione percettiva tra distacco e straniamento.Goffaggine, tenerezza e spietatezza come cifre di ritratti vertiginosi.  Un’analisi di opere esemplari. Le posizioni radicali di Bacon e Freud nella cultura del Novecento. Sul fare esperienza di un’arte che non lascia vie di uscita.      Leggi tutto “CONFERENZE 2008”